Home> Area eGov> Il SIAN> L'Evoluzione del SIAN
    
    

L'evoluzione del SIAN


 

L' evoluzione del SIAN è incentrata sulle seguenti linee di sviluppo:

 

  • ottimizzazione, razionalizzazione, piena integrazione e cooperazione applicativa dei servizi a supporto dei soggetti operanti nel comparto agro-alimentare e forestale, integrati nel SIAN;
  • controllo, certificazione e diffusione delle informazioni gestite;
  • Pubblica Amministrazione digitale al servizio del cittadino.

Il processo di evoluzione del SIAN recepisce quanto definito dal Piano Industriale della P.A. presentato il 28 maggio 2008 dal Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione, in particolare dal ruolo strategico assegnato alla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. E, precedentemente, dalle Linee Strategiche emanate dallo stesso Ministero nel gennaio del 2007, relative al sistema nazionale di e-government specialmente nei processi di integrazione e coordinamento dei piani d'azione degli interventi di natura organizzativa, culturale e tecnologica riassunte nelle dieci linee d'azione ICT che tutte le PAC devono perseguire.

L'AGEA, quale soggetto responsabile della gestione, integrazione ed evoluzione dei servizi del SIAN, dovrà garantire la piena compatibilità ed economicità di tutti gli interventi di sviluppo in atto o in via di progettazione, orientandone l'efficacia nei confronti degli obiettivi strategici sopra citati. Il SIAN deve evolvere verso una connotazione di "insieme", governato e organizzato, dei sistemi informativi agricoli pubblici, per affiancare ed agevolare il processo di progressivo decentramento delle competenze amministrative in agricoltura, nel rispetto di una cornice di riferimento univoca a livello nazionale, in termini di certezza e di uniformità nell'applicazione delle norme.

La mutata situazione del governo dell' agricoltura a livello europeo, rende imprescindibile la necessità di un ridisegno funzionale del sistema complessivo di gestione degli aiuti PAC, nell'ottica di garantirne da un lato la piena coerenza con il mutato assetto della normativa comunitaria derivato dalla riforma finanziaria connessa al reg. (CE) n. 1290/2005 e dalla riforma del regime di sostegno allo sviluppo rurale disposta dal Reg.(CE) n. 1698/2005, dall'altro l'utilizzo ottimizzato delle risorse pubbliche, mediante il perseguimento della massime sinergie possibili tra i soggetti attori.

Inoltre il valore aggiunto del SIAN dovrà concretizzarsi nella sua capacità di "mettere a sistema le informazioni", ma soprattutto nel certificare il livello qualitativo e di controllo delle stesse, perseguendo contemporaneamente il contenimento dei costi necessari ai controlli mediante una loro razionalizzazione e sinergia. In tale contesto, in particolare, si dovrà:

 

  • sviluppare un modello che metta a sistema e coordini l'insieme delle attività di controllo e certificazione eseguite dalle varie amministrazioni pubbliche per la realizzazione di un sistema unico di controllo e certificazione dei dati sanitari, territoriali e ambientali derivanti dalle attività istituzionali;
  • definire regole comuni di controllo e di certificazione dei dati compresi nel SIAN;
  • contribuire, negli opportuni contesti istituzionali, a rilevare le esigenze di utilizzo delle informazioni e dei servizi del SIAN da parte delle altre amministrazioni, esterne al comparto agricolo e rurale, per i fini istituzionali delle stesse.

Particolarmente importante risulta inoltre la valorizzazione, e la messa a disposizione delle amministrazioni pubbliche, dei dati e dei servizi territoriali che il SIAN detiene, gestisce e aggiorna per i fini istituzionali dell'AGEA, degli Organismi Pagatori e del Corpo Forestale dello Stato.  La valorizzazione del patrimonio informativo per la componente territoriale, dovrà, partendo dai servizi già predisposti nell'ambito del Sistema Informativo della Montagna, arricchire le funzionalità del fascicolo a livello territoriale tenendo conto delle necessità degli enti locali (Comunità montane, Comuni, etc.) dei territori montani.

In attuazione di tali indirizzi, l'AGEA procederà alla assunzione dei relativi provvedimenti e atti negoziali, garantendo in tutte le sedi istituzionali competenti (Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione, Conferenza Stato-Regioni, CNIPA) le interazioni e interlocuzioni utili a concretizzazione delle linee programmatiche definite.  L'obiettivo risulta di particolare rilevanza in relazione all'imprescindibile esigenza di rendere disponibili e riutilizzare dati e servizi generati all'interno del comparto agricolo e rurale senza costi aggiuntivi per le amministrazioni esterne al comparto stesso. A tal fine dovrà essere ricercata la massima interazione con il CNIPA, la cui funzione istituzionale è appunto quella di promuovere la massima razionalizzazione ed economicità dell'azione amministrativa in materia di sistemi informatici pubblici.

In Primo Piano

Avviso pubblico per la presentazione di manifestazione di interesse finalizzata all'acquisto dell'immobile di proprietà della SIN spa sito in Roma, via Palestro 81… leggi tutto



Focus On

SIN sta istituendo il proprio albo fornitori che sarà utilizzato per l'espletamento, nei casi ed alle condizioni prescritti dalla normativa vigente in materia, delle procedure di acquisizione di beni e/o servizi tesi a soddisfare le esigenze organizzative e di funzionamento della stessa SIN Spa.

Albo Fornitori



Copyright 2008 SIN S.r.l. - Via Palestro, 32 - 00185 Roma
Note Legali |Mappa del sito | Accessibilità


Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0